Crea sito

Mass Effect: Andromeda – Quick Review

Versione testata: Xbox One

105 ore. Questo è l’enorme ammontare di tempo che Mass Effect: Andromeda è riuscito a scucirmi. L’action-RPG di BioWare è semplicemente immenso e caratterizzato da una longevità che, nonostante la prevedibile presenza di alcune missioni minori che fungono da meri riempitivi o poco più, non dà affatto a noia.

Merito di ciò va ad una componente narrativa coinvolgente e in grado di spingere il giocatore a procedere sia nella storia principale sia nella maggior parte degli incarichi accessori. Il desiderio di scoprire passo dopo passo la nuova galassia (Andromeda per l’appunto) e la necessità di renderla via via più vivibile sono resi molto bene sia a livello narrativo che di gameplay. La componente ruolistica è sicuramente profonda così come convince durante i dialoghi (maledizione per l’assenza del doppiaggio in italiano!) il sistema di scelte non categorico bensì più sfumato. Con buona pace dei fan più integralisti di Mass Effect, però, è la parte action a brillare maggiormente principalmente grazie ad un combat system impegnativo, ben rifinito e molto appagante (di gran lunga il migliore mai offerto dalla serie).

A livello tecnico-grafico il gioco è in grado di regalare, specialmente su alcuni pianeti, un eccellente colpo d’occhio. Note dolenti sono le animazioni facciali durante i dialoghi che lasciano molto a desiderare e la presenza di scatti quando si è a bordo del Nomad e si adopera il turbo per spingere al massimo il veicolo.

Nel complesso Mass Effect: Andromeda riesce più che bene nel dare un nuovo e interessante inizio all’universo sci-fi della serie. Meriterebbe un seguito? Assolutamente sì.


VOTO: 8,5


  • Finito qualche settimana fa, la penso assolutamente come te.
    Questo gioco è stato troppo criticato, spero vivamente in un seguito.
    Non si può uccidere una serie per qualche problema tecnico…ci sono decine di esempi di giochi peggiori al lancio.

    • Mi auguro che prima o poi abbia un seguito anche perché con l’arrivo nella nuova galassia il potenziale per espandere l’esperienza sci-fi è enorme.