Crea sito

Mass Effect Andromeda: niente doppiaggio niente day one?

Mass Effect: Andromeda in uscita il 23 Marzo, come immagino già saprete, non avrà la totale localizzazione in italiano. Al contrario della precedente trilogia, infatti, non vi sarà il doppiaggio nella nostra lingua ma solamente i sottotitoli. A darne conferma, dopo un’esplicita richiesta di un utente, è stato direttamente su Twitter il vice presidente di BioWare Aaryn Flynn.

Al diffondersi della notizia il web nostrano si è riempito dei soliti botta e risposta che vanno in scena in situazioni del genere. C’è chi grida “vergogna BioWare, vergogna Electronic Arts” e chi risponde con “imparate l’inglese invece di lamentarvi” oppure “il doppiaggio originale in lingua inglese è sempre meglio”. Insomma nulla di nuovo dal punto di vista delle reazioni su siti, forum e social.

Qual è la mia posizione in merito? Diciamo che è tale per cui, pur essendo molto interessato al gioco, alla fine proprio per l’assenza del doppiaggio in italiano ho deciso di saltare l’acquisto al day one. Si tratta più che altro di una questione di principio e di una presa di posizione verso un trend (pensiamo ai recenti Forza Horizon 3 e Halo Wars 2 privi del voice-over in italiano) che non mi piace affatto.

E’ evidente che i crescenti costi di sviluppo portino i publisher a fare sempre più i conti con il pallottoliere anche sul fronte della localizzazione nei vari mercati. Dal punto di vista del business è pure comprensibile ma siamo giocatori e non manager/azionisti della EA di turno. Personalmente ci sono titoli che, per genere e/o rilevanza dei dialoghi, acquisto e gioco tranquillamente anche senza le voci in italiano (un esempio è proprio il già citato Forza Horizon 3). La comprensione orale della lingua inglese non rientra di certo nei miei punti di forza ma è comunque più che sufficiente, magari di tanto in tanto con il supporto dei sottotitoli, a farmi godere ugualmente certi titoli. Non nascondo, però, che la maggiore attenzione da prestare al parlato a discapito del resto e l’occhio che ogni tanto cade sui sottotitoli un danno lo provochino; almeno in parte l’immersività ne risente.

Ma al di là di quello che può essere il livello di confidenza con la lingua inglese di ognuno di noi, la questione andrebbe vista in senso più ampio e con un approccio per una volta unito. Il fatto che grandi publisher decidano di non doppiare più giochi ad altissimo budget nella nostra lingua è da contrastare. Forse stanno provando a vedere se noi italiani siamo tanto “fessi” da acquistare lo stesso i giochi AAA prima del tutto localizzati anche se ci levano il doppiaggio nel nostro idioma. L’unica vera arma a nostra disposizione per farci sentire è posticipare se non addirittura evitare l’acquisto.

Qualcuno teme che boicottando l’acquisto si finisca per trasmettere l’idea di un mercato ancora meno appetibile peggiorando ulteriormente la situazione. E’ un timore comprensibile ma, a mio avviso, poco concreto quando si parla di progetti e publisher molto grossi. Publisher del calibro di EA studiano molto attentamente le dinamiche di mercato e  sono in grado di capire quanto un aspetto/mancanza dei propri prodotti abbia influito sulle vendite. Saltando l’acquisto al day one forse non otterremo nulla ma una cosa è certa, se accettiamo senza aprir bocca che titoli della portata di Mass Effect Andromeda (in cui oltretutto i dialoghi rappresentano un elemento di grande rilevanza) perdano il doppiaggio in italiano in futuro ne avremo sempre di più! Inoltre mai dire mai, BioWare ed EA staranno sicuramente sondando le reazioni e gli effetti sui pre-order e chissà che, tenendo duro tutti assieme, il doppiaggio in italiano non arrivi sotto forma di patch in un secondo momento.

Vi lascio con l’invito a firmare questa petizione su Change.org. Vi ho detto la mia, poi fate come meglio credete 😉 .